• Eugenio Tibaldi firma il Bilancio Sociale 2017

    In linea con il Bilancio Sociale 2016, interpretato dallo sguardo ironico e innovativo dell’artista Giuseppe Stampone, Società Dolce quest’anno ha scelto, per il Bilancio Sociale 2017, l’arte inclusiva di Eugenio Tibaldi, che già ha firmato per la cooperativa il Contagiorni 2018.

    “Cooperation Landscape 2018” è l’opera realizzata dall’artista per il Bilancio Sociale, un bilancio che racconta le molteplici sfaccettature di Società Dolce, dei servizi, delle strutture e delle persone – soci, lavoratori e utenti – che la compongono, offrendo al lettore/spettatore un’occasione di riflessione sul concetto di inclusione.

    Nell’anno del suo trentennale, i dati mostrano la cooperativa solida e in crescita, con un valore della produzione pari al +17,1% (90.801.418 euro), con un utile, dopo le imposte, di 67.419 euro.
    Società Dolce oggi dà lavoro a 3.241 persone: di queste, il 74.6% è assunto con contratto a tempo indeterminato e l’87% sono donne.

    Estratto del Bilancio Sociale 2017 – Poster “Cooperation Landscape 2018”

    I 4 bilanci 2017 di Società Dolce:
    Bilancio di Esercizio 2017
    Bilancio Sociale 2017
    Bilancio Consolidato 2017
    Bilancio Sociale Consolidato 2017

  • CALCARA

    Il nido d’infanzia di Calcara è un servizio di recente realizzazione (anno 2008). La struttura è costruita con materiali ad alta compatibilità ambientale e in base ad un progetto architettonico ideato sulle esigenze educative dei bambini. Il nido è gestito da Società Dolce in stretto raccordo con l’amministrazione comunale e secondo un progetto pedagogico capace di incontrare il bisogno di flessibilità dei genitori di oggi.

    CONTATTI:
    051 6441211 | 337 1177466 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00)
    infanzia@societadolce.it

  • Un passo dopo l’altro: Società Dolce e lo Sheba Hospice di Tel Aviv insieme per la teleriabilitazione

    La collaborazione tra Società Dolce e lo Sheba Hospital di Tel Aviv, per l’innovazione nella riabilitazione, si è arricchita di altro confronto. Una delegazione israeliana di medici e valutatori di start up ha visitato i servizi sanitari della cooperativa e partecipato alla tavola rotonda “Un passo dopo l’altro: teleriabilitazione e continuità di cura”, presso il CRC Casalino di Loiano.

    L’apertura di Sara Saltarelli, responsabile area Assistenza di Società Dolce, ha sottolineato l’importanza di puntare sui servizi sanitari domiciliari, di fronte alla crescita delle cronicità e delle patologie neurologiche: “La domiciliarità – ha detto – la privilegiamo, ma il nostro intervento non finisce in ambulatorio, o in una stanza di casa. Lavoriamo in un’ottica di filiera, dove la tecnologia è lo strumento e l’umanità portato dal sociale in questa piccola parte della sanità che è la riabilitazione, fa la differenza.”

    Mario Loffredo, fisiatra e direttore sanitario della cooperativa, ha definito la teleriabilitazione strumento per un’alta qualità dell’intervento, riducendone i costi. A sostenerlo, Josef Haik medico dello Sheba Hospital: “L’ospedale – ha affermato – oggi è luogo per le acuzie e gli interventi chirurgici, mentre le cronicità devono essere gestite a domicilio.”

    Ma siamo preparati ad affrontare una rivoluzione, anche culturale, come la telemedicina? Secondo Fabrizio Salvi, neurologo e medico di molti pazienti con sclerosi multipla, l’Emilia Romagna è potenzialmente pronta, ma si scontra con una normativa sulla privacy, che impone accortezze nella circolazione di dati sensibili via telefono o web. Anche qui, la soluzione è la buona relazione, la compliance tra medico e paziente.

    Per Fabio La Porta, neurologo e dirigente medico in Medicina riabilitativa e Neuroriabilitazione presso l’AUSL di Bologna, la cronicità e l’invecchiamento della popolazione ci pongono di fronte ad una sfida e tutto quel che è tecnologia e può portare qualità, riducendo le risorse, va considerato. Ma in modo scientifico, attraverso studi di comparazione e di risultato.

    Ci sono storie che vanno raccontate e altre da testimoniare. La differenza sta nella voce di chi le presenta e hanno emozionato gli interventi di Filippo Martone, di AssiSLA onlus, e dell’ex pilota Ducati Italo Forni, di AssiSM, che ha sorpreso platea e organizzatori, riportando i positivi risultati della riabilitazione di cinque pazienti a Spazio Salute, CAR di Società Dolce. “Ascolto, accoglienza, disponibilità telefonica, risposte personalizzate e costruite col paziente da parte di un’équipe multidisciplinare – spiega Ombretta Trebbi, fisioterapista – hanno dato ottimi risultati”.

    Per Pietro Segata, presidente di Società Dolce, caratteristica della cooperativa è la prossimità con l’utenza. Un luogo come Spazio Salute, nato come centro Bernardi e a favore dei bambini spastici, è diventato con Società Dolce un Centro ambulatoriale di riabilitazione aperto a tutte le fragilità che la cooperativa segue già per gli aspetti assistenziali. Un nuovo percorso, ma in continuità con lo spirito solidaristico che l’ha visto nascere, cui ne seguono molti altri, per portare alta qualità, con l’ausilio delle nuove tecnologie. Obbiettivo? Offrire ambienti riabilitativi facilitanti.

  • Datti una mossa con… Dolcethlon!

    “Datti una mossa!”  è un evento organizzato dall’Azienda Usl di Bologna per promuovere stili di vita corretti, tenutosi sabato 13 ottobre 2018 presso i Giardini Margherita (BO).
    Anche Società Dolce ha partecipato alla manifestazione con “Dolcethlon”, le Olimpiadi per la Terza Età che hanno coinvolto gli ospiti over 80 delle strutture Nevio FabbriCasa degli Etruschi CRC Casalino, che si sono sfidati a colpi di calci di rigore e bowling.

    Queste attività, supervisionate dal fisioterapista per il miglior recupero possibile, creano una sana competizione e performance, dove l’allegria e il movimento sono assicurati.
    Gli anziani di Società Dolce si sono distinti tra gli applausi e l’interessamento del pubblico, testimonianza che lo sport è davvero per tutti.

  • Nuovo sito per Piazza dei Colori

    E’ online il nuovo sito di Piazza dei Colori, progetto dell’Associazione angoloB, nato con l’obiettivo di rigenerare una zona urbana svantaggiata (Piazza dei Colori appunto), grazie al coinvolgimento di artigiani, associazioni e creativi del territorio.

    Dalla sua nascita, nel 2010, Piazza dei Colori ha attivato diversi progetti gratuiti e accessibili a tutti i residenti:
    – Estate Regaz! il campo estivo divertente e solidale nato nel 2015 in collaborazione con il centro d’accoglienza Condominio Pallavicini 12, Consorzio Indaco e l’associazione Piazza Grande;
    – un punto d’ascolto telefonico attivo 7 giorni su 7, per il supporto psicologico e pratico per i nuclei familiari più fragili;
    – il laboratorio Compiti Insieme, per il contrasto alla dispersione scolastica;
    – gli interventi di sostegno domiciliare e scolastico, in coordinamento con le scuole e i servizi educativi del territorio;
    – il corso d’italiano per favorire l’integrazione delle mamme migranti e dei loro bimbi;
    – i percorsi di reinserimento lavorativo;
    – la Boutique di riciclo solidale dove gli abiti che non si usano più prendono nuovamente vita e vengono ridistribuiti gratuitamente ai centri d’accoglienza per persone senza fissa dimora;
    – corsi di inglese, cucito e yoga al femminile, creati per offrire occasioni di benessere e socialità alle donne di tutte le età e di ogni provenienza geografica che abitano in Piazza dei Colori;
    – interventi di mediazione culturale e iniziative di cittadinanza attiva, per migliorare la qualità della vita delle famiglie.

    Scopri il nuovo sito di Piazza dei Colori: http://piazzadeicolori.it/

  • Trasform-azioni al Teatro Monteverdi

    Venerdì 19 ottobre 2018, alle 10.30 (in replica alle 21), presso il Teatro Monteverdi di Cremona (Via Dante, 149) la  Compagnia degli Anonimi si esibirà nello spettacolo “Trasform-azioni”.

    Andato in scena già a giugno, nell’ambito della Rassegna di Teatro Integrato “Tra Palco e Città”, lo spettacolo “Trasform-azioni” nasce da un percorso laboratoriale in cui le “azioni teatrali” scaturiscono da un bisogno di esprimere gesti che nascono da emozioni e sentimenti per diventare, nella riflessione, idee, parole, espressioni, sens-azioni: “azioni di senso” che restituiscono un significato “altro” alla realtà che, ricreata, ci rende più consapevoli.

    La Compagnia degli Anonimi nasce nel 2016 per volontà, da parte di Società Dolce, di inserire in percorsi espressivi, progetti afferenti alle Autonomie di Progetti di Vita, diversificati, ma ciascuno, nel suo percorso, rivolto a “cercarsi”.
    Il nome della Compagnia -“i senza nome”- nasce proprio da questa esperienza e il “teatro” diventa quindi  metafora della vita stessa: un luogo dove “cercarsi” per “ritrovarsi”, dove riacquisire un’identità (quindi un nome), diventando più consapevoli di sé e dell’Altro.

    Scopri la locandina

  • LA CULLA

    Il nido d’infanzia La Culla è collocato all’interno del Polo dell’infanzia di Ozzano dell’Emilia, inaugurato nel 2010 e che comprende oltre al nido, la scuola dell’infanzia Girotondo e il centro per le famiglie L’Abbraccio.
    La gestione di Società Dolce del nido e del centro per le famiglie è in stretto raccordo con l’amministrazione comunale e secondo un progetto pedagogico capace di incontrare il bisogno di flessibilità dei genitori di oggi.
    La struttura è stata progettata e costruita dal consorzio Karabak Sette secondo criteri costruttivi all’avanguardia, con materiali ad alta compatibilità ambientale e in base ad un progetto architettonico ideato sulle esigenze educative dei bambini. La collocazione di un nido e una scuola nello stesso plesso è da intendersi in un’ottica di continuità e di coerenza educativa che, salvaguardando le specificità di ogni servizio, ha però obiettivi e filosofie comuni che facilitano i passaggi e le comunicazioni tra gli adulti e che approfondiscono la storia del percorso dei bambini.
    All’interno del centro per le famiglie è attiva una ludoteca, che si rivolge a tutte le famiglie del territorio e si propone come spazio per i bambini che desiderano ampliare l’esperienza di condivisione e partecipazione ad attività e giochi con altri bambini all’interno di un contesto socializzante e ricco di opportunità. La ludoteca è aperta da ottobre a maggio per tre pomeriggi settimanali.

    CONTATTI:
    051 6441211 | 337 1177466 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00)
    infanzia@societadolce.it

    per informazioni e prenotazioni SALE POLIVALENTI:
    051 797948 (il martedì e il giovedì dalle 17:30 alle 18:00)

  • Bollate: a Società Dolce, il reparto ospedaliero per subacuti

    È stato inaugurato il mese scorso, a Bollate (Rho), il reparto con 24 posti letto per subacuti, voluto per rispondere alla cronicità e affidato in gestione a Società Dolce per i prossimi sette anni.

    L’occasione, all’interno della terza edizione del Festival della salute dell’ASST Rhodense, ha visto presenti Paolo Vaccaro, responsabile area Nord Ovest della cooperativa, l’assessore regionale al Welfare, Giulio Galliera, il direttore generale dell’ASST, Ida Ramponi, il sindaco di Bollate, Francesco Vassallo e altri rappresentanti delle istituzioni e della società civile.

    “Vi accederanno pazienti dimessi da altri reparti, ma che necessitano di prolungare la permanenza in ospedale – spiega Vaccaro – e li accoglieremo in un polo per la cronicità, ossia una struttura rivolta perlopiù a persone anziane, ma dai contenuti sanitari. Una risposta della regione, per una popolazione che invecchia.”

    Oltre al reparto, presto il presidio ospiterà anche un centro diurno integrato, grazie ad uno stanziamento di 800mila euro dai fondi regionali.

    Ad accompagnare il taglio del nastro, non solo festa e intrattenimento, ma anche formazione, informazione e prevenzione con screening gratuiti per la popolazione.

    Per Società Dolce, è un nuovo tassello che si aggiunge ai servizi avviati negli ultimi anni in ambito sanitario. In Emilia Romagna, con l’Hospice “Villa Adalgisa” di Ravenna, il reparto di lungodegenza presso la RSA “Vici Giovannini” di Cattolica, i CAR “Spazio Salute” e ”Casalino” di Bologna, la residenza riabilitativa “CRC Casalino”, l’assistenza domiciliare integrata in Lombardia, il servizio domiciliare privato  “Assistiamo”, cui si aggiungono le attività sanitarie ordinarie nelle RSA.

     

  • Master Universitario in Economia della Cooperazione

    Presso la Scuola di Economia, Management e Statistica dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna (sede di Bologna) è attivato per l’anno accademico 2018 – 2019, il Corso di Master Universitario di I livello In Economia della Cooperazione (MUEC XVII Edizione, XXIII Ciclo).
    Il Master è istituito dietro proposta dei Dipartimenti di Scienze Economiche e di Scienze Aziendali, in collaborazione con la Fondazione Alma Mater e con il supporto di AICCON (Associazione Italiana per la Promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit).
    Il Corso è promosso e sostenuto dall’Alleanza delle Cooperative Italiane e dalle tre “storiche” associazioni di rappresentanza, assistenza e tutela del Movimento Cooperativo che la compongono:  A.G.C.I.Confcooperative e Legacoop. L’iniziativa si avvale inoltre della collaborazione, a sostegno della didattica e della ricerca, del Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia Sociale.
    Il Corso si tiene sotto la Direzione del Prof. Flavio Delbono, Professore Ordinario di Economia Politica presso la Scuola stessa.

    Il progetto didattico del MUEC, la cui durata è annuale, è strutturato in tre fasi:
    − attività didattica in aula (gennaio – maggio 2019, per circa 200 ore)
    − tirocinio curriculare (stage) presso imprese o strutture del Movimento Cooperativo (giugno – luglio [settembre] 2019, per complessive 300 ore)
    − ritorno in aula (settembre 2019, per circa 50 ore)

    Per gli studenti lavoratori, è previsto un Project-work sostitutivo del periodo di tirocinio curriculare (stage).

    L’attività didattica d’aula del Corso si svolge esclusivamente nelle giornate del venerdì e del sabato mattina, per complessive 12 ore settimanali (8+4), per 22 settimane.
    L’inizio delle lezioni dell’annualità è programmato per la mattinata di venerdì 25 gennaio 2019.

    Per partecipare al colloquio di ammissione – che si terrà nella mattinata di sabato 15 dicembre 2018 presso la Scuola di Economia, Management e Statistica di Bologna – occorre presentare domanda entro il 26 novembre 2018.
    Il Bando relativo alla XVII Edizione (XXIII Ciclo) del Corso di Master è pubblicato sul portale internet dell’Università di Bologna: https://www.unibo.it/it/didattica/master/2018-2019/economia-della-cooperazione-muec

    Per informazioni di carattere didattico o scientifico (ovvero concernenti l’organizzazione generale dei lavori del Master), è possibile contattare la Segreteria Didattica del Corso di Master ai seguenti recapiti:
    Master Universitario in Economia della Cooperazione MUEC
    Università di Bologna
    Via dei Bersaglieri 4
    40125 Bologna
    Tel.: + 39 370 3656765
    E-mail: facecon.muec@unibo.it

    Per informazioni di carattere amministrativo è possibile inviare le proprie richieste all’Ufficio Master dell’Università di Bologna, al seguente recapito:
    Università di Bologna – Ufficio Master
    Via San Giacomo 7
    40126 Bologna
    Orari di apertura al pubblico: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì dalle ore 9 alle ore 11,15; martedì e giovedì dalle ore 14,30 alle ore 15,30.
    Tel.: 051/2098140
    Fax: 051/2098039
    E-mail: master@unibo.it

    Scopri il pieghevole del MUEC a.a. 2018/19

  • GATTONANDO

    Il nido d’infanzia Gattonando è di recente costruzione: avviato a gennaio 2008, la struttura è stata progettata e realizzata dal Consorzio Karabak Tre, in finanza di progetto, seguendo criteri costruttivi all’avanguardia, con materiali ad alta compatibilità ambientale e in base a un progetto architettonico ideato sulle esigenze educative dei bambini.
    Le famiglie hanno la possibilità di condividere con le educatrici e la coordinatrice il progetto pedagogico che è garanzia della qualità del servizio erogato. I bambini in questo nido hanno a disposizione uno spazio accogliente e funzionale dove i colori, i materiali e gli arredi sono stati scelti con cura per permettere loro la massima espressione delle potenzialità cognitive, creative e relazionali.

    CONTATTI:
    051 6441211 | 337 1177466 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00)
    infanzia@societadolce.it