• Fico Summer School 11-14 anni

    Un servizio di sostegno all’apprendimento per i ragazzi della secondaria di primo grado che hanno bisogno di un aiuto nei compiti e nello studio. Lo scopo è quello di offrire ai ragazzi uno spazio che risponda in modo personalizzato alle esigenze di ciascuno di loro. Assistenza e supervisione in piccolo gruppo.
    Il servizio è gestito da personale di Società Dolce qualificato e con esperienza.

    Capienza massima 10 ragazzi

    Il servizio è conforme a quanto predisposto dalla regolamentazione della Regione Emilia Romagna in materia e nel rispetto delle norme nazionali previste per il contenimento del COVID-19.

    CONTATTI:
    051 6441211 | cell. 337 1177466
    infanzia@societadolce.it

  • Fico Summer Camp 6-11 anni

    Il miglior modo di imparare è fare un’esperienza vera, autentica e coinvolgente, questo è FICO SUMMER CAMP. Qui i bambini potranno imparare divertendosi ed entrare in contatto con le principali filiere agroalimentari italiane e l’arte della trasformazione della materia prima in prodotto finito.
    Percorsi botanici e faunistici, attività motorie, laboratori di teatro e tanto altro: il tutto all’insegna del divertimento.

    Capienza massima 70 bambini

    Il servizio è conforme a quanto predisposto dalla regolamentazione della Regione Emilia Romagna in materia e nel rispetto delle norme nazionali previste per il contenimento del COVID-19.

    CONTATTI:
    051 6441211 | cell. 337 1177466
    infanzia@societadolce.it

  • Interventi educativi domiciliari 0-14 anni

    E’ un servizio che nasce a supporto della famiglia con figli 0-14 anni, in particolar modo in questo momento di Emergenza Covid-19 in cui i servizi educativi e scolastici sono chiusi.
    Sono previste azioni preventive quali uno screening quotidiano prima dell’avvio dell’intervento educativo e la fornitura al personale incaricato dei DPI necessari.

    La sanificazione dell’ambiente è a carico della famiglia e certificata quotidianamente attraverso lo screening iniziale.



    NB: Foto dall’Archivio Società Dolce realizzato prima del COVID19.
    Durante il Servizio saranno applicate le direttive contenute nell’allegato 1) del DPCM del 8 marzo 2020 in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, integrato con il DPCM del 9 marzo 2020.



  • Lettera aperta per ricordare l’importanza dei nidi d’ infanzia 0-3 e delle sperimentazioni 0-6

    Abbiamo apprezzato il 16 maggio 2020 la presentazione delle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza COVID-
    19” utili alla riapertura dei centri estivi che dovrebbero riaprire nei prossimi giorni condividendo in
    particolare che “Tale prospettiva è stata perseguita ricercando il giusto bilanciamento tra il diritto alla
    socialità, al gioco ed in generale all’educazione dei bambini e degli adolescenti e, d’altra parte, la necessità di
    garantire condizioni di tutela della loro salute, nonché di quella delle famiglie e del personale educativo ed
    ausiliario impegnato nello svolgimento delle diverse iniziative.”
    Rileviamo con enorme dispiacere che le linee guida non comprendano la fascia di età dai 0 ai 3 anni se non
    per attività gestite dai genitori nei parchi e quindi le attività svolte all’interno dei nidi. Ricordiamo il grande
    valore educativo e di sostegno alla genitorialità
    rappresentato dai nidi d’infanzia e il valore delle esperienze
    di servizi educativi 0/6 nel territorio della nostra regione.
    Il progetto #100giorniperlinfanzia che abbiamo presentato andava in quella direzione!
    Come cooperazione sociale da molti anni nei mesi estivi trasformiamo gli spazi dedicati durante l’anno ai
    servizi 0-3 o alle scuole per l’infanzia 3-6 in spazi e attività rivolti a bambini 0-6 anni con grande soddisfazione
    dei bambini e delle famiglie.

    Non abbiamo compreso le motivazioni che hanno portato all’esclusione dei bambini di età 0-3 anni dalle linee
    guida e sarebbe interessante capire perché un bimbo che ha 38 mesi può partecipare ai centri estivi e un
    bimbo di 34 mesi non può farlo. Vogliamo fare notare che altre regioni, vedi Alto Adige, sono ripartite con i
    servizi 0-6 da lunedì 18 maggio e che sperimentazioni sono in corso nel comune di Torino all’interno del
    progetto “scuole aperte società protetta “

    Riteniamo quindi urgente integrare le linee guida comprendendo anche i bambini di età inferiore ai 3 anni
    per favorire l’apertura di servizi dedicati alla fascia d’età 0-6 naturalmente prevedendo tutte le misurenecessarie per salvaguardare la salute, dei bambini, delle operatrici, dei familiari.

    Agci Solidarietà EMANUELE MONACI
    Federsolidarietà Emilia Romagna LUCA DAL POZZO
    Legacoopsociali Emilia Romagna ALBERTO ALBERANI

    Lettera aperta riapertura nidi